Quando scegliere infissi in alluminio e serramenti in alluminio

Dal momento che l'alluminio è un metallo estremamente leggero, può essere utilizzato in vari ambiti, come il packaging, il settore automobilistico, ferroviario, aereo e navale. L'alluminio, in passato era considerato un materiale prezioso quasi quanto l'oro, proprio per la sua forza e resistenza. Secondo il San Jose State University Development and Operations, l'alluminio eliminato senza essere riciclato può rimanere intatto per oltre 500 anni. Per tutte queste ragioni, l'alluminio è la scelta perfetta per gli infissi di casa. Il materiale offre una ottimale protezione dalle aggressioni esterne, rendendo quasi impossibile lo scasso. Assicura poi un elevato isolamento termico ed acustico. Ciò significa che risparmierete sui costi energetici ed eviterete di essere disturbati dai rumori esterni. Inoltre, questo tipo di infisso è particolarmente resistente all'azione avversa degli agenti atmosferici. Si mantiene intatto in seguito a tempeste, grandinate, nevicate o gelate. In estate, riescono a tenere all'esterno i raggi UVA, garantendo una frescura gradevole all'interno della propria abitazione. Questo significa che potrete rinunciare senza problemi al costoso impianto di refrigerazione, dotando la casa, se ci fosse comunque troppo calore, di un economico ventilatore a soffitto. Gli infissi in alluminio sono estremamente resistenti alle deformazioni e all'usura del tempo, sono ignifughi e assolutamente sicuri per la salute dell'uomo. Inoltre, presentano un ottimale rapporto tra qualità e prezzo. Avrete prestazioni elevate e sicurezza domestica con una spesa non rilevante, che si ammortizzerà completamente nel lungo periodo, se solo pensiamo al risparmio sulla bolletta del riscaldamento.

Quando acquistate gli infissi in alluminio, potete personalizzarli a seconda dello stile della vostra abitazione, semplicemente riverniciandoli. Questa operazione è utile inoltre per ravvivare la tinta esistente dell'infisso, magari leggermente rovinata dal passare degli anni. La procedura è la medesima in entrambi i casi. Un lavoro ben fatto vi consentirà di avere una verniciatura perfetta per circa 5-7 anni. Assicuratevi di acquistare la vernice adatta, facendovi consigliare da personale esperto. Una composizione incompatibile potrebbe rovinare l'alluminio sottostante. Per prima cosa, indossate dei guanti in lattice e degli occhialini protettivi, in quanto la vernice contiene dei fumi nocivi per la salute. Dotatevi anche di una mascherina. Pulite alla perfezione tutta la superficie dell'infisso, con uno straccio pulito inumidito con un po' di alcool. Levate ogni traccia di sporco e polvere, che potrebbe creare antiestetici granuli sotto la vernice. Asciugate l'area con un panno pulito. A questo punto, aiutandovi con una spugnetta in lana d'acciaio sintetica, rimuovete la vernice presente, facendo attenzione a non rovinare l'alluminio. Procedete con movimenti rapidi ma delicati. Con una spazzola metallica, togliete le tracce di ruggine e di pitting lasciate dall'azione degli agenti atmosferici. Se questa procedura non dovesse funzionare, grattate la superficie con un foglio di carta vetrata a trama 800-1000. Togliete la polvere lasciata dalla sabbiatura con uno straccio. Controllate lo stato del calafataggio intorno al telaio dell'infisso. Verificate che il mastice sia in buone condizioni e che non vi siano lacune o aree rovinate. In questo caso, rimuovete le croste con il lato di una piccola spatola e applicate del nuovo mastice attorno all'intera struttura, prima di procedere con la verniciatura. Fatto questo, con del nastro da pittore e dei fogli di giornale, mascherate i vetri e le zone che non vanno dipinte. Fate lo stesso per la parte dell'infisso in alluminio che si trova a filo della casa, per impedire al colore di toccare le pareti interne o la struttura muraria esterna. Cominciate a dipingere la sezione superiore dell'infisso. Le finestre o le porte a battente sono più facili da verniciare, rispetto agli infissi con doppie ante sospese o a scorrimento. Ricordatevi sempre di lavorare prima in orizzontale e poi in verticale e di procedere dall'interno verso l'esterno dell'area. Per le finestre o le porte con doppio hung, dipingerete prima la metà inferiore del telaio esterno e poi l'intera fascia interna. Conclusa l'operazione di verniciatura, rimettete le ante in posizione e dipingete il resto del telaio esterno, il telaio ed il davanzale. Se state già trattando la parte esterna del telaio, completate prima questa sezione, in modo da facilitarvi il lavoro. Stendete quindi una mano di fondo. Utilizzate un primer specifico per infissi in alluminio, così da essere sicuri di avere la massima protezione. Coprite l'intera superficie dell'infisso e lasciate asciugare completamente. Date una seconda mano. Dal momento che i serramenti presentano spesso piccole rientranze, utilizzate un pennello sottile rastremato per spingere la vernice negli angoli del telaio del vostro infisso. Ora passerete ad applicare il cappotto isolante. Stendete la finitura entro due giorni dal completamento dell'asciugatura del primer. Per una protezione extra, applicate due mani di finitura. Una vernice a base di olio fornisce la migliore protezione, a differenza di quella all'acqua che, anche se adatta per il metallo, non dura a lungo. Se decidete comunque di utilizzare vernici a base d'acqua, assicuratevi che siano compatibili con il primer sottostante.

Gli infissi in alluminio sono molto semplici da mantenere e riparare. La sostituzione di un vetro o di un pannello, ad esempio, è molto più facile rispetto ai modelli tradizionali in legno o policarbonato. Sicuramente questo è un altro tra i numerosi vantaggi che offre questo tipo di serramento. Se un vetro o un pannello sono rovinati o rotti ed è necessario inserire un nuovo elemento, seguite questi semplici passi. Per prima cosa, rimuovete molto delicatamente e stando attenti a non ferirvi il vetro rotto, indossando dei guanti protettivi. Nel caso in cui l'elemento fosse un pannello, la procedura di rimozione è differente: se esso riesce a scorrere, sollevatelo verso l'alto sul telaio e tiratene il fondo fuori dalla pista di scorrimento. Se invece il pannello è fisso, andrete a rimuovere le viti poste nella parte superiore ed inferiore del pannello con un cacciavite elettronico. Collocate il telaio sul piano di lavoro ed estraete le viti con testa a croce con un cacciavite adeguato. Questa operazione permetterà ai pezzi del telaio di essere separati. Staccate tutte le componenti dal vetro, forzandoli se necessario con un martello di gomma. Rimuovete la guarnizione in silicone che circonda il vetro. Non gettate la guarnizione, perché la dovrete poi riutilizzare. Se tuttavia dovesse essere usurata, posizionatene una nuova sopra il riquadro dell'infisso in alluminio. Assicuratevi che la guarnizione copra tutti i bordi del vetro prima rimontare il telaio. A questo punto, posizionate le componenti del telaio in sede ed inserite le viti per poter fissare il vetro al suo interno.

Gli infissi in alluminio, come abbiamo visto, sono estremamente resistenti e si rivelano una scelta ottimale per la propria abitazione. E' però necessario che vengano messe in atto le dovute procedure di manutenzione ordinaria e straordinaria. Una delle regole più semplici, ma che spesso viene dimenticata, è di aprire e chiudere gli infissi con delicatezza, in modo da non rovinare ed usurare le cerniere. Questo vale naturalmente anche per gli infissi interni e gli elementi scorrevoli. Per quanto riguarda la pulizia ordinaria, utilizzate uno straccio imbevuto di acqua e sgrassante, verificando che il prodotto sia adatto per le superfici in alluminio. Risciacquate sempre ed asciugate alla perfezione, per non lasciare aloni. Rimuovete regolarmente la sporcizia che si forma nei canali in cui le ante delle finestre o le soglie delle porte scorrono. È possibile spazzolarle con un piccolo pennello a setole rigide o con l'apposito ugello di un aspirapolvere. Una volta al mese o quando lo ritenete necessario, erogate sulle cerniere e le guide di scorrimento uno spray lubrificante a base siliconica che, oltre ad oliarle, inibirà la formazione di ruggine e la corrosione. Lo spray andrà erogato anche sulle serrature e le maniglie di chiusura. Due volte l'anno, magari al cambio di stagione, effettuate un leggero scrub all'infisso di alluminio, per prevenire l'ossidazione e corrosione. Utilizzate un pennello morbido, ad esempio quello a manico lungo per il lavaggio dell'auto, distribuite il prodotto detergente uniformemente e risciacquate con abbondante acqua pulita. Una riverniciatura da eseguire ogni 5 anni circa proteggerà l'infisso di alluminio nel lungo periodo. Attenzione alla formazione della muffa: eliminatela e prevenitela dall'esterno dei telai con una soluzione composta da un 1/3 di tazza di detersivo in polvere, 2/3 di tazza di fosfato trisodico e 1 litro di candeggina per uso domestico, sciolti in 3 litri d'acqua.

Generalmente, le infrazioni domestiche avvengono scassinando porte e finestre. Ciò rende indispensabile l'inserimento di serramenti resistenti e sicuri, primi fra tutti gli infissi in alluminio. Dal momento che le finestre sono più facili da aprire rispetto alle porte, dovete assicurarvi che esse siano sicure ed a prova di manomissione. E' possibile aumentare ulteriormente la solidità degli infissi in alluminio con protezioni supplementari, ad esempio le barre. Per scegliere l'elemento adatto all'infisso, prendete le misure delle vostre finestre, aggiungendo qualche cm in più per le placchette di fissaggio. Visitate il punto vendita di dispositivi per la sicurezza domestica più vicino e fatevi consigliare da un tecnico specializzato il tipo di barra idoneo ai vostri serramenti in alluminio. Le barre si dovranno adattare in lunghezza e larghezza e ancorarsi perfettamente tra lo schermo e la finestra.
Una volta acquistate le barre, segnate i punti guida in cui andranno praticati i fori di ancoraggio. Forate il telaio superiore dell'infisso in alluminio e allineate le sbarre con la finestra. Assicuratevi che gli elementi siano perfettamente inquadrati, quindi inserite le viti di supporto nel telaio. Verificate che le barre di sicurezza siano saldamente fissate prima di passare alla finestra successiva.